Montepulciano d'Abruzzo Vino DOC

 

Montepulciano d'Abruzzo

Introdotto in Abruzzo agli inizi del XIX secolo il vitigno Montepulciano si è diffuso rapidamente in tutta la regione tanto da essere utilizzato per la produzione dell’omonimo vino nei territori amministrativi di oltre centosettanta comuni delle sue quattro province: L’Aquila, Chieti, Pescara e Teramo.
Rosso – prodotto con le uve del vitigno Montepulciano (minimo 85%) ed eventualmente con quelle di altri vitigni a bacca nera non aromatici, idonei alla coltivazione nell’ambito della regione, impiegate da sole o congiuntamente (massimo 15%); ha colore rosso rubino intenso con lievi sfumature violacee, tendenza al granato con l’invecchiamento; odore intenso, etereo, con profumi di frutti rossi, spezie; sapore pieno, asciutto, armonico, giustamente tannico.

Gradazione minima: 12°.

Immissione al consumo: dal 1° marzo successivo alla vendemmia. Con un invecchiamento non inferiore a due anni, di cui almeno nove mesi in recipienti di legno, a decorrere dal 1° novembre dell’annata di produzione delle uve, e una gradazione minima di 12,5°, questo vino può fregiarsi della menzione “riserva”.

Uso: da pasto o da arrosto se invecchiato.

 

Cantinette per vino

I tuoi vini preferiti al miglior prezzo SCOPRI

Questo sito utilizza solo cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy, nel rispetto della tua privacy (EU GDPR)