Vernaccia di Oristano DOC

 

Vernaccia di Oristano

Con le uve di Vernaccia di Oristano, ottenute in tutto o parte del territorio amministrativo di sedici comuni della medesima provincia, capoluogo compreso, viene prodotto questo vino dal colore giallo dorato ambrato; odore delicato, alcolico, con sfumature di fior di mandorlo; sapore fine, sottile, caldo, con leggero e gradevole retrogusto di mandorle amare.

Gradazione minima: 15°.

Invecchiamento obbligatorio (in botti di castagno o di rovere): due anni, a partire dal mese di marzo dell’anno successivo a quello della vendemmia.

Uso: da dessert.

Con una gradazione di 15,5° e un invecchiamento di almeno tre anni, questo vino può essere qualificato “superiore” e quindi “riserva” se sottoposto ad un periodo di invecchiamento non inferiore ai quattro anni effettivi. Viene prodotto anche nel tipo “liquoroso” (con l’aggiunta di alcol da vino o da materie vinose o di acquavite di vino) con una gradazione minima di 16,5°; 18° se “secco” o “dry”.

La DOCG Vermentino di Gallura e le DOC Alghero, Arborea, Campidano di Terralba o Terralba, Carignano del Sulcis, Girò di Cagliari, Malvasia di Bosa, Malvasia di Cagliari, Mandrolisai, Monica di Cagliari, Moscato di Cagliari, Moscato di Sorso-Sennori, Nasco di Cagliari, Nuragus di Cagliari, Vernaccia di Oristano possono essere precedute dal nome geografico “Sardegna”.

 

Questo sito utilizza solo cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy, nel rispetto della tua privacy (EU GDPR)